Pako Story

Mi piace molto ascoltare e non parlare, però quando inizio a parlare, spesso non la finisco più. Non amo la confusione, non amo la folla, anzi, amo stare da solo, magari in compagnia dei miei pensieri. Ma chi è, alla fine, Pako? Pako è una persona che scrive tutto quel che non riesce a dire, un pensatore prestato alla scrittura che riesce, a quanto pare, a leggere discretamente la vita.

Non vi elencherò le lauree ed i master che ho conseguito, né i lavori che ho fatto e che faccio nella mia vita, qui sono solo ed esclusivamente il Pako scrittore, quello che esprime i suoi pensieri attraverso articoli, che pubblica i suoi libri e che da sfogo, in qualche modo, alle sue passioni.

C’è una cosa che amo più della scrittura, lo devo ammettere, ed è la musica. Ascolto ore ed ore di musica al giorno, ma non potevo fare il cantante, non so cantare. Mi limito ad ascoltare musica quasi ininterrottamente e ad acquistare cd. Sono un grande appassionato ed in passato ho avuto qualche esperienza nel campo radio e discografico. Chissà in futuro…

 

Ho iniziato a scrivere da ragazzino, intorno ai 15/16 anni, sinceramente però ricordo in modo nitido di esser sempre stato bravo nella scrittura, già dai primi temi delle elementari. Crescendo, poi, la scrittura è diventata anche un bisogno sfociando nella vita di tutti i giorni, anche solo per il puro piacere di scrivere. Ho capito di avere un “dono” quando, per più di una volta, le prof mi annullavano i compiti in classe asserendo che avessi copiato tutto da internet o da qualche temario, rifacevo il compito seduta stante e finivo per prendere 10. C’era però uno scoglio da superare, e ci ho messo molti anni per riuscirci. Ho sempre avuto il timore di pubblicare i miei scritti, non so perché, forse dentro me risiede una dose eccessiva di riservatezza che mi ha sempre bloccato in questo. Ogni cosa che scrivo è un po’ di me anche se non parla di me, complicato come concetto, ma abbastanza chiaro per farmi fermare un passo prima di dare in pasto al modo quei coriandoli del mio essere. Ad un certo punto ho però cominciato a credere realmente che questa potesse essere una delle mie strade, mi sono fatto coraggio ed ho iniziato a percorrerla. Cominciai a pubblicare i miei aforismi su Instagram, poco a poco i seguaci cominciavano a crescere apprezzando i miei pensieri, ed adesso eccomi qua.

A dicembre 2019 ho pubblicato il mio primo libro “Goditi il silenzio” che, a dir la verità, è solamente l’ultimo dei tanti miei progetti editoriali iniziati e mai pubblicati. Chissà se vedranno mai la luce anche gli altri. Senza pubblicità, senza spinte e senza alcun tipo di propaganda se non quella su Instagram, Goditi il silenzio ha riscosso solo pareri positivi da parte dei lettori e ciò mi ha dato la giusta carica per proseguire il mio cammino. Il mio primo obbiettivo per il futuro sarà quello di valorizzare a dovere questo mio primo libro, successivamente arriveranno nuovi lavori.

Questo sono io, è vero, ho detto poco, starà a voi capire chi sono realmente.

Godetevi il rumore delle parole.